Giugno 16, 2024

Mark Knopfler, il leggendario chitarrista rock noto per la sua carriera con i Dire Straits e per le sue influenze jazz e blues, ha recentemente annunciato il suo ritorno in studio con un nuovo album intitolato “One Deep River”. A 74 anni, Knopfler continua a essere una figura influente nella scena musicale, con una carriera che ha lasciato un’impronta indelebile su intere generazioni.

Mark Knopfler

Il Nuovo Album: “One Deep River”
Il decimo album solista di Knopfler, “One Deep River”, è un’opera attesa con grande impazienza e curiosità dai fan¹. Registrato presso i British Grove Studios di Londra e prodotto insieme al collaboratore di lunga data Guy Fletcher, l’album promette di essere un altro capolavoro nella discografia di Knopfler¹. Con dodici brani che spaziano dal rock al blues e al folk, “One Deep River” è descritto come una sintesi perfetta dei generi cari al musicista¹.

Critica all’Industria Musicale
Knopfler ha espresso una forte critica verso l’industria musicale moderna, in particolare per lo sfruttamento dei giovani artisti da parte delle major, che tendono a promuovere prodotti musicali effimeri¹. Ha anche preso posizione contro le reunion forzate di vecchi gruppi, inclusa quella dei suoi Dire Straits, affermando che non ha interesse a partecipare a competizioni su chi sia il più grande¹.

La Carriera Solista di Knopfler
Dopo lo scioglimento dei Dire Straits, Knopfler ha intrapreso una carriera solista di successo, pubblicando album che hanno continuato a catturare l’attenzione del pubblico. La sua tecnica di chitarra, caratterizzata dal fingerpicking senza plettro, rimane distintiva e riconoscibile¹. Nonostante abbia ammesso di sentirsi “peggiorato” come chitarrista, Knopfler ha rivelato di aver scritto una grande quantità di testi e promesso di tornare a fare pratica con il suo strumento¹.

Aspettative per il Tour
Con l’uscita di “One Deep River”, i fan si chiedono se Knopfler intraprenderà un tour per promuovere il nuovo album. Sebbene non ci siano ancora conferme ufficiali, l’idea di assistere a nuove esibizioni dal vivo del chitarrista suscita entusiasmo e aspettative¹.

In conclusione, “One Deep River” rappresenta l’ultima fatica di un artista che ha saputo evolversi e mantenere la propria rilevanza nel panorama musicale. L’album è un tributo alla carriera di Knopfler e un regalo per i suoi fan, che attendono con ansia di poter ascoltare i nuovi brani e, si spera, di vederlo esibirsi dal vivo ancora una volta.


Non è quindi per spocchia che Knopfler, all’inevitabile domanda dei giornalisti italiani su cosa ne pensi dei Maneskin, che dalle nostre parti qualcuno considera a livelli di eccellenza, sia caduto dalle nuvole. “I Maneskin chi?“, ha risposto Mark sinceramente sorpreso. “Che nome è? Non li conosco”. Con una concessione finale condita di ironia. “Andrò ad ascoltarli”, promette Knopfler. “Fanno rock? A me va bene anche se, per suonare, una nuova band usa il detersivo per piatti…”.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *