Luglio 20, 2024

SYDNEY – Un tranquillo sabato di shopping si è trasformato in un incubo quando un uomo di 40 anni ha iniziato a colpire a caso con un coltello, seminando il panico in un centro commerciale di Sydney, Australia. Il bilancio è di sette morti, incluso l’aggressore, e diversi feriti, tra cui un bambino di nove mesi che era in braccio alla madre, tragicamente uccisa.

Non è ancora chiaro perché l’uomo abbia agito in questo modo, e la sua morte rende ancora più difficile comprendere i motivi di questo gesto. L’Australia è sotto shock, e l’intero Paese trattiene il fiato per la sorte del piccolo, la cui sopravvivenza potrebbe rappresentare un barlume di speranza dopo questa tragedia inspiegabile.

Non un atto terroristico

Il commissario di polizia Karen Webb ha confermato che non si tratta di un episodio terroristico, anche se le indagini richiederanno molto tempo. L’aggressore, noto alle forze dell’ordine, si è presentato al centro commerciale Westfield di Bondi Junction alle 15:30 di sabato, armato di un grosso coltello.

Secondo le testimonianze, l’uomo camminava con calma, come se stesse facendo una passeggiata in un parco. Poi è salito sulle scale mobili e, nel giro di un minuto, sono stati uditi tre colpi di pistola. La sua azione è stata fulminea: si è avventato su varie persone prima di essere ucciso da una poliziotta, ora celebrata come un’eroina in Australia per il suo coraggio e la sua audacia.

Il Paese in lutto

Nel frattempo, l’uomo aveva ucciso sei persone, cinque donne e un uomo, e ferito altre otto, tra cui il bambino di nove mesi, ora sottoposto a un intervento chirurgico di emergenza. Il centro commerciale, uno dei più frequentati della città, è stato evacuato e centinaia di persone sono fuggite, molte in lacrime e alcune con i propri figli in braccio.

L’episodio ha turbato un Paese generalmente tranquillo, che negli ultimi anni ha vissuto diversi attentati, sia realizzati che solo minacciati. Questo evento potrebbe rappresentare una sorta di perdita dell’innocenza per l’Australia.

Reazioni internazionali

Il primo ministro Anthony Albanese ha seguito i soccorsi e le indagini minuto per minuto, esprimendo il suo cordoglio per le vittime e ringraziando coloro che si stanno prendendo cura dei feriti, nonché la coraggiosa polizia e i primi soccorritori.

Anche Re Carlo d’Inghilterra, capo di stato australiano, si è detto “inorridito” per l’attacco. I principi di Galles William e Kate si sono detti “scioccati e tristi” per la strage. “I nostri pensieri vanno a tutte le persone colpite, compresi i cari delle persone scomparse e i soccorritori eroici che hanno rischiato la propria vita per salvare gli altri”, hanno dichiarato.

Quali potrebbero essere le cause ?

Le cause di un attacco con coltello possono essere molteplici e complesse. Ecco alcune possibili spiegazioni:

  1. Vicinanza alla violenza: Una delle ragioni che spinge le persone a portare con sé un’arma come un coltello può essere il risultato di vivere in prossimità della violenza. Questa ipotesi aiuta a spiegare perché la maggior parte degli omicidi e degli “quasi-omicidi” tendono a verificarsi in un piccolo numero di hotspot geografici, certi quartieri nelle città e tra persone che si conoscono1.
  2. Scopo di rapina: L’uso di un coltello da parte di un eventuale malintenzionato è molto frequente nel caso delle aggressioni a scopo di rapina23.
  3. Problemi personali o psicologici: L’aggressore potrebbe avere problemi personali o psicologici non noti che lo hanno spinto a compiere l’atto.
  4. Familiarità con la violenza: L’aggressore potrebbe essere stato esposto a violenza o abusi in passato, o potrebbe avere una storia di comportamento violento.
  5. Influenze sociali o culturali: Alcune persone potrebbero essere influenzate da norme sociali o culturali che giustificano o glorificano la violenza.

È importante notare che queste sono solo alcune delle possibili cause. Ogni caso è unico e richiede un’indagine approfondita per comprendere appieno le motivazioni dell’aggressore. Inoltre, nessuna di queste ragioni può giustificare un atto di violenza. La violenza è sempre inaccettabile e le sue conseguenze possono essere devastanti per le vittime e per la società nel suo insieme.

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *