Luglio 20, 2024

Recensione: “Via Milano 16” di Gaspare Caputo – Una Raccolta di Poesie in Dialetto Martiranese

Il libro di G. Caputo

“Via Milano 16” è molto più di una semplice raccolta di poesie. È un viaggio nel cuore della Calabria attraverso il linguaggio ricco e vibrante del dialetto Martiranese. Gaspare Caputo, autore di questo lavoro straordinario, ci trasporta in un mondo intriso di tradizione, emozioni e nostalgia, dove ogni parola è un pezzo di storia e di identità culturale.

La peculiarità di questo libro risiede nella sua capacità di catturare l’essenza della vita quotidiana nel pittoresco paese di Martirano Lombardo, situato nella provincia di Catanzaro. Le poesie, scritte con maestria e passione, riflettono gli affetti, le gioie e le sfide di una comunità che affonda le radici nella terra fertile della Calabria.

Attraverso versi delicati e toccanti, Caputo dipinge quadri vividi della vita in provincia, celebrando le piccole cose che rendono unico ogni istante: il profumo dell’arancio in fiore, il suono dei passi lungo le stradine di ciottoli, il calore dell’abbraccio di un amico.

Ma “Via Milano 16” è anche un tributo alla forza e alla resilienza del popolo martiranese. Le poesie raccontano storie di lavoro duro, di sacrificio e di speranza, mescolando momenti di gioia e di dolore con una delicatezza commovente.

La magia di questo libro risiede nella sua capacità di trasportare il lettore in un mondo sospeso tra il passato e il presente, tra la tradizione e la modernità. Le parole di Caputo sono come fili che intrecciano i ricordi di una comunità con le sfide del futuro, creando un tessuto di significati profondi e universali.

In conclusione, “Via Milano 16” è una raccolta di poesie che va oltre le parole. È un omaggio alla bellezza e alla complessità della vita nel cuore della Calabria, un invito a scoprire e a celebrare le radici che ci legano al nostro passato e che ci guidano verso il futuro. Un libro da leggere e rileggere, da gustare con calma e da portare nel cuore come un prezioso tesoro.

Clemente E. Aiello

Related Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *